martedì 24 dicembre 2013

A Chosen People, and Circumsided: God Looks at the America (traduzione)

by Nico Carlucci


The Europeans do not know that a high number of Americans are circumcised. Some time ago I tried to explain this practice to anthropologists who blinded by the "universalism of history" have ended up not understanding what I was saying. In them it was assumed that those who were baptized could not be circumcised. In fact, the people of the U.S. knows, experiences of both rites.
This makes the Americans once again "exceptional" as the two costumes in the past and  different cultures, they even fought. Here I will try to explain the reasons that accompany this sacred practice.
I do not think the pseudo-scientific explanations that are given to justify the circumcision in the U.S.: Penis reasons of cleanliness, removal of the diseases and disorders.
This must be even more open eyes on the obviousness of culture and the implicit removal of the Sacred.

A brief history

In  the past some  tribes of Northen  Africa  "affected" their body. This is, for example, among the Egyptians who are affiliated to Ra, the Sun God, who had himself circumcised
In ancient Rome the Jews were circumcised called "curti" to underline the mutilation of their penis was going through the removal of the foreskin.
Israel sacrificed the male sexual organ par excellence, their "shoot flowered" ratifying, as the pact of alliance between God and his people "elected (Genesis, 17, 11-4).
The Romans, on the contrary, who had made the body their "essential wholeness", were far from this "divine offering" to which St. Peter's, for example, would not give up.
The origin of Christianity there was, in fact, a major dispute between Peter and Paul concerning circumcision and baptism. Which of the two rites would "initiate" the true Christian?
Paul won the greek-Roman world, and therefore no mutilation of the body, the baptismal water that ended up making participant in the collective life, at last, even women.
For Muslims, circumcision is an essential act of faith, recommended by Mahomet in the "Sunna", the sayings of the Prophet explaining the Koran. The origin of the rite can be traced back, as with the Jews, to Abraham that 80 autocirconcide years.

Protestants and Jews in the name of 'America

But Americans are WASPs (White Anglo Saxon Protestant) that Christians baptized yet their new baby is circumcised and is, thus, implicitly, the Company of Men. And 'yet Protestantism, in fact, in its various denominations, to have a majority in the U.S. (51,3 percent) despite the extraordinary success of other religions. They are the Wasp who hold power and exercise it and encode it in different sectors: industrial, economic, military, academic, social. Although the population in stars and stripes change color and is enhanced by new ethnic groups, the rules of Yankee culture, ultimately, are still those of the Founding Fathers: "He who will introduce the principles of Christianity in public affairs will change the face of world "(Benjamin Franklin, 1779). This happened yesterday, this happens today.
Bruce Springsteen sings during the presidential campaign this way: "It 's putting the best of human qualities - respect for others, self-honesty, faith in their ideals - that we are born as a nation in the eyes of God' so that our soul , as a nation and as individuals, occurs "-
America, while becoming is tied to its foundation myth that still weaves his political life to the religious roots, Christian and Puritan.
As pointed out Jean-Francois Colosimo God forms the country's civil society through rituals, dogmas, temples. And 'his symbolic vocabulary and "spectacular" ("God is American teodemocrazia the United States", Milan, 2009, JacaBook).
But Protestantism, you know, absolute, intersects with Judaism and becomes, well, in something else, different from Europe where he started, and even by the Judaism of the Middle East.
Jefferson refers to Israel in just his second inaugural speech and at the same time share of Puritanism.
Furthermore, to substantiate his candidacy, Barack Obama has also called on the biblical story of the output of the Jews from slavery. From all this we can understand why the Americans are a people of circonsisi and baptized.
Americans, therefore, done by people outside the country of their birth, settled in a new "promised land", land of abundance and blessing.
It 'a pattern of old and new Israel that dominates the American conscience, God's chosen people that is evoked when its President speaks also to justify the war. American people so that circumcised women are roughly a penis that is not.
The "corn flakes" Kellogg
John Harvey Kellogg (1852-1943) was a physician who has passed into history as the inventor of corn flakes supply from which the famous brand that bears his name. He was a doctor who worked for many years in a sanatorium.
Kellogg belonged to the religion of the Seventh Day Adventist, Protestant church and as the Jews observed the Sabbath as a day of divine rest.
The Seventh-day Adventist Church is for sexual abstinence and beyond, including alcohol, and tobacco should be avoided.
Kellogg became hard supporter of the principles of his Church. Like others, believed that circumcision would prevent masturbation by reducing, in his opinion, sexual stimulation. Inventing the corn flakes, Dr. Kellogg believed their own to fight this practice "solo" of American males who carried asthma, insomnia, to epilepsy.
From vegetarian nutritionist, paradoxically added to the diet even "penaut butter," the peanut butter very common in American pop culture.

Now

In the current debate is also the point of view of those who oppose this practice. Some people, for the first time in America, speaks about the ablation of the prepuce, mutilation, a costly sacrifice of the male body, violence becomes "unjust" if he is the child having to suffer.
They won, however, those who insist that circumcision serves to clean the penis, to prevent disease.
They return to play the rules of the Sacred, the coordinates that redefine the model of "White Anglo Saxon Protestant" is now attacked from many sides, internally and externally: the last stock market crisis, the election of a black president, the ' desire to reform health care for all, the attack on the Twin Towers, the advance of China.
Anthropology blogspot

La traduzione del mio articolo in inglese è stata fatta dal  sito: http://en.apocalisselaica.net che ringrazio molto.
- See more at: http://en.apocalisselaica.net/varie/cristianesimo-cattolicesimo-e-altre-religioni/un-popolo-eletto-e-circonciso-dio-guarda-l-america#sthash.IvR1S13i.dpuf

venerdì 13 dicembre 2013

9 dicembre 2013. L'Italia s'è desta

di Nico Carlucci

                                                                          Al Quirinale  Napolitano dice agli atleti olimpici italiani che prenderanno parte ai giochi invernali 2014 a Sochi (Russia): "No al Nazionalismo".

Oggi ho preso parte alla protesta, a Milano, a  piazzale Loreto, dei cosiddetti, "forconi". Beh, intanto questi si sono subito distanziati dalla stessa parola "forcone" creata dai giornalisti. E' stato bello l'incontro, perché il loro, il nostro è un movimento degli Italiani la cui unica bandiera era quella italiana. Finalmente non più bandiere "rosse", drappelli dei sindacati, ma la bandiera dell'Italia troppo spesso bistrattata dalla storia che va dalla Seconda guerra mondiale in poi. E  l'inno è  quello di Mameli, cantato con  ripresa, da tutti, dagli Italiani presenti. Era così nuovo non sentire più la scontata "Bella ciao" nella quale i ragazzi non si riconoscono più perché lontana dai loro bisogni non "partigiani". L'impostazione comunista nella piazza è andata, così, via, come neve che si "disigilla". A Milano si cantava la Patria, l'amor di Patria come sempre, con orgoglio, come succede altrove. I politici con i loro vari "compromessi" non vogliono gli italiani come popolo libero. Mandela, tanto amato anche dalle sinistre, ha fondato la sua rivoluzione esaltando proprio la patria, per non parlare dell'America. Beh, Gad Lerner ha classificato il tutto come un movimento di "destra"!!! Povero Gad...., non ha capito nulla! Qui i partecipanti chiamavano la gente a scendere dalle case gridando: "Dai, dai vieni giù, sei Italiano anche tu". Quanta distanza dalle proteste dei sindacalisti, dall'archeologia del Pd che non ha saputo ripensarsi diventando sempre di più "radical chic", lontano dagli stessi operai e in questo caso dai "forconi".
Al blocco di alcuni minuti delle macchine partcipano persone di tutte le classi sociali, giovani e vecchi, disoccupati e dirigenti in "crisi aziendale". Chi viene bloccato scende dalle proprie macchine e si unisce ai protestatari. Anche le forze dell'Ordine sono state gentili e rispettose di noi che eravamo al "fronte", non con le armi, ma con i "fiori". Bisogna ritornare alla lira; uno Stato è padrone di sé solo se conia la propria moneta.
I nostri politici hanno preso, ovviamente,  le distanze da ciò che il Paese vive  dicendo che i "forconi" non rappresentano la maggioranza. Che vile! Alfano sostiene che si rischia il ribellismo. Letta, aggiunge, che i manifestanti sono solo una piccola "percentuale" della popolazione. Inoltre, i giornalisti, la televisione hanno finito con il mettere insieme le violenze dei tifosi olandesi giunti nel capoluogo  lombardo per una partita con la protesta pacifica dei ragazzi di piazzale Loreto che il forcone lo hanno visto solo quando la loro nonna contadina lo usava in campagna . I giovani qui parlano anche di Gesù mentre una mamma cammina con il suo figlio che ha le stampelle sulla strada della speranza...
Intanto Letta, il suo governo, vota a favore della Legge di Stabilità. Della protesta che attanaglia il Paese, da nord a sud, nessuna considerazione, nessuna sensibilità politica. Boldrini, Kyenge ascoltate la voce degli Italiani, la voce della gente che soffre nel suo Paese perché non ha lavoro oppure perché esodata. Ma che dico? Boldrini, Kyenge? Bah, esse sono lontane anni luce da cuori che pulsano e battono, qui, in Italia.

Piazzale Loreto, Milano

giovedì 28 novembre 2013

Lettera della Filosofia all'Antropologia (parte II)


di Nico Carlucci                                             
                                                                          PRELUDIO


Fare filosofia, praticarla, fare della propria vita un'opera d'arte. Per molto tempo ciò è stato dimenticato e allora si è diventati “insegnanti” della storia della filosofia nella scuola, nell'università, nell'accademia. In altri termini, si è rinunciato a fare Filosofia. Poi sono nate le nuove lauree con i loro nomi “finti”, di imitazione delle scienze: Scienze biologiche, Scienze politiche, Scienze informatiche ecc. Perchè non avere - si è chiesta l'Istituzione-, anche una laurea magistrale in Scienze filosofiche? Questa, in realtà, è un'anomalia tutta italiana, un unicum a livello delle diciture dei titoli accademici che non ha alcun riscontro all'estero, nel mondo anglosassone da cui le riforme italiane partono per stabilire improbabili “equipollenze”. L'Occidente è volto, purtroppo, all'omogeneità delle lauree che possono essere “brevi”, “specialistiche”, corsi di primo livello e di secondo livello, cancellando, in questo modo, “configurazioni” di modelli culturali “altri”, non più ammessi nell'era del globale.
Con il suo ultimo corso al College de France (1984), Foucault dà inconsapevolmente un addio struggente  alla vita... per concludere la sua “opera”... che rimane, tuttavia, “aperta”, non finita che continua nella pratica di chi si accosta al testo, alle parole, alle sue parole, in un “universale singolare”(Sartre). C'è una multiformità delle voci che ripetono Foucault e lo attraverso, lo incorporano qui, ora, in un avvenire-futuro che non si conclude. Credo trattasi di una “struttura interrogativa”, sì, la prassi filosofica, l'esercizio di chi la “muove” e la concretizza al presente. E' un lavoro nel continuum, una concatenazione del significante e del significato “impersonale”, un raggio che si espande e ferisce (Nietzsche).
In questo Laboratorio sono stato scalfito dall'incontro con l'altro, da tante scritture di uomini e donne il cui modo di praticare la filosofia è diventata la mia e la mia la loro. Abbiamo maneggiate le idee, i pensieri, fabbricato un'opera... come degli artifex di pichiana memoria. E' nato uno scritto, il nostro, il mio, il tuo scritto che appare sul web e che altri, dopo di noi, ancora vedranno per trasmetterlo, a loro volta, ad uomini e donne, a giovani e vecchi, in una polifonia della Musica. E, così, il cerchio che sembra chiudersi, non si chiude: il suo centro è dovunque, la sua circonferenza è all'infinito.
Le note sono state toccate e hanno vibrato proprio perchè ci sono quelle che le hanno precedute e quelle che nel tempo le seguiranno. E' questa una pratica che sicuramente incide sul corpo che si smaterializza e sull' anima che, viceversa, si materializza e ri-manda e do-manda nell'ascesi “laica” di un'aula universitaria.

Concludo con la danza dionisiaca che nel perdermi permette di ritrovarmi ancora e perdermi di nuovo... interrelazione dei tratti nella complessità che pratichiamo anche con altre discipline che invitano prima e “donano” dopo.
E' la Filosofia che non è, ripeto, scienza filosofica e che si espone, in ultima analisi, al rischio, alla libertà del rischio come ha cercato di dirci Foucault nella vita-morte di un poeta.



Magritte

 

il cavallo nell'arte, la firma in bianco di Renè Magritte
 






sabato 2 novembre 2013

Arcade Fire: Cinque stelle

 

 di Nico Carlucci

"But if there's no music up in heaven, then what's it for?"     da "Here comes the night time"  Arcade Fire

Il disco degli Arcade Fire si apre con il singolo "Reflektor" che dà anche il titolo all’album. Qui la musica ha in maniera sparsa note di atmosfere haitiane derivate, forse, dall’aver registrato l’intero album proprio ad Haiti. Ma c'è anche e soprattutto l'Occidente anche se è "politicamente scorretto" dirlo (le recensioni lette al riguardo sono quasi tutte di stampo "etnico").
A proposito vediamo che in copertina c'è una scultura di Rodin: Orfeo che non raggiunge Euridice. Il mito viene rielaborato in diversi brani e reso "moderno": "Awful sound (Oh Eurydice)": "Just take all your pain, just put it on me so that you can breathe "; e poi "It's never over (Hey Orpheus)": "I'm behind you. Don't turn around...just sing for me all the night". Troviamo nel primo dei due cd anche un testo dedicato a Giovanna D'Arco (Joan of Arc) che diventa la musa del poeta: "You had a vision they couldn't see so they put you down".
Le percussioni e le strofe in lingua francese si mescolano a sonorità decisamente anni'80 senza perdere, comunque, quella potenza che promette di far ballare gli invitati alle "feste più indie in circolazione".
Tutto il lavoro fa ampio ricorso ad ogni tipo di strumento che va al di là del trittico basso, chitarra e batteria, come è solito per gli Arcade Fire. In "We exist" l’uso massiccio degli archi conferisce pennellate di leggerezza ad un pezzo che non perde il ritmo nemmeno per un secondo. "Here comes the night time", una canzone all’apparenza semplice e che ricorda una filastrocca, nasconde elettrizzanti giri di basso mentre "Normal person" strizza l’occhio al classic rock anni ’70. Nel secondo disco si dà spazio ad elettronica (“Porno”) e dance (“Afterlife”) senza abbandonare ritmi caraibici-haitiani.
"Reflektor" è il quarto lavoro degli Arcade Fire che sono sicuramente quanto di più creativo possiamo trovare nella musica di oggi. Non ultimo: sanno veramente suonare....
Arcade Fire
Arcade Fire liveArcade Fire - Win Butler e consorteArcade FireArcade FireArcade Fire durante uno secret show

 
 

giovedì 24 ottobre 2013

Lettera all'Antropologia

di Nico Carlucci

Ancora oggi è difficile rispondere alla domanda riguardo a quello che si fa quando “facciamo filosofia”. E' un vento che arriva all'improvviso e scuote nell'ascolto apparentemente “passivo”.
Sicuramente nel “maneggio” delle idee pulsano le scelte, i “valori”, i concetti nella loro luce aurorale, in una “via lattea” che non indica, comunque, alcuna strada da seguire. Sì, senza un suo luogo preciso, la Filosofia domanda e lascia in un'indeterminatezza liberante chi vi si accosta.
In questo blog mi occupo di Antropologia, dei modelli culturali, dei significati simbolici e concreti che i gruppi umani vivono, ma credo che non si possa fare “scienza” (sociale) senza “l'accensione filosofica” per nulla superata come i sistemi di potere vogliono farci credere.
Perché gli Italiani dovrebbero tornare all'Università come succede nei paesi anglosassoni? Forse, per cercare ancora in un rimescolamento degli spazi, delle fasce d'età, dei ruoli, delle domande una compiutezza che “non si compie”.
E allora pratico, pratichiamo senza meta, in un'avventura che incorpora nel pensiero “filosofico”. E bello diventano la “parresia” di cui parla Foucault, le “pratiche politiche”, il rapporto tra soggetto e verità a cui lo studioso francese si dedica proprio con il suo ultimo corso al "College de France". La parresia come pratica, quindi, che vede il soggetto che parla, che lavora e che vive costituito come “oggetto di un sapere possibile”. Sono quelle pratiche del dire-il-vero su se stessi che fanno appello alla presenza dell'altro. E' una pratica “in due”. Ma la verità espone al rischio: “Perchè vi sia parresia , bisogna che chi dice la verità apra, introduca e affronti il rischio di ferire l'altro, di irritarlo, di farlo andare in collera e di provocare certi suoi comportamenti che possano spingersi fino alla violenza più estrema” (M. Foucault, : Il coraggio della verità: Il governo di sé e degli altri II, 2011).
Con Heidegger fare filosofia è una domanda che chiede conto dell'essere, è la luce che illumina nella “radura”. Ma a Sloterdijck ciò non è bastato. Bisognava capire come si è arrivati all'apertura di cui parla Martin. Ecco, allora, le antropotecniche con le quali, però, lo studioso non fa alcun riferimento all'atto proiettivo del pene come fondamento della costruzione culturale (Ida Magli, La sessualità maschile, 1989). E' proprio la “radura” che diventa, adesso, una catena di saperi, una costellazione di stelle dietro alle quali si nascondono altre costellazioni.
Credo che la Filosofia è uno sguardo “sensibile”, una ricerca, fragile e forte, dell'universale. Al riguardo, Carlo Sini si riferisce alla scrittura alfabetica senza la quale non sarebbe stato possibile vedere proprio questo “universale”. Essa scrittura ha caratteri non corporei, è non iconica; da qui il suo carattere convenzionale e “astratto”. Mi sto riferendo ad una Filosofia che è, prima di tutto, Occidente e che dopo la Seconda guerra mondiale è andata anche “ in esilio”. Il motto della "New School for Social Reasearch" di New York è quello di “The University in Exile” (l'Università in Esilio). Molti pensatori ebrei, senza patria, dall'Europa, sono arrivati qui per sfuggire alla persecuzione razziale. Ricordiamo H. Arendt che alla “New School...” della Grande Mela insegna e “fa” filosofia.
uomini belli e impossibili 

giovedì 3 ottobre 2013

Quando una cultura muore...

di Nico Carlucci

L'Antropologia è quell'avventura che decodifica i modelli culturali all'interno dei quali i gruppi umani vivono e dai quali vengono plasmati. Le culture  sono delle galassie scintillanti dietro alla quali pulsano altre galassie in un firmamento di stelle. Esse confinano tra loro in un vicino e lontano aurorale, si scontrano e si in-contrano; in altri termini, sono in cammino verso un avvenire-futuro. Ma la galassia con le sue costellazioni può esplodere. La cultura è in un "Bildung" (Goethe) che a volte va  oltre l'arcobaleno, un divenire dinamico che non si compie mai come "forma". Allo stesso tempo questa sua volontà di vita può ferire e sopraffare modelli più deboli per mezzo di un silenzioso processo di incorporamento o scorporamento che porta al tramonto di un popolo.
Potremmo dire che la cultura è un'unità organica che cresce o degenera che può essere sana o malata nella storia "evolutiva".
Storia della discontinuità, quindi, con i suoi salti e le sue frammentazioni, con i suoi alberi ramificati e i suoi "coralli" di antica memoria darwiniana.
Ecco, io leggerei in questo modo il dopo l'Occidente sul quale si sofferma l'antropologo aperto, ora, non più allo stupore del mondo, ma al mostruoso di un'imminente apocalisse (P. Sloterdijk: Non siamo ancora stati salvati: saggi dopo Heidegger). Oh, Italia, una cultura che finisce veramente, una forza, quella della sua civiltà, che forse scompare come è avvenuto per altre civiltà.
Come interpretare un quotidiano italiano fatto da governi "liquidi", da un giornalismo diventato "chiacchiera" proprio nel senso in cui ne parlava Heidegger quando scriveva della dittatura del "Sì" con cui, in realtà, scompariva qualsiasi progetto dell'esser-ci dell'Uomo. Oggi, nel Bel Paese, i giornalisti della televisione sono quasi tutti di sesso femminile, con scollature in pieno inverno che "fa tanto velina"; le notizie che riportano, inoltre, sono puro "gossip", leggere, appunto, per distoglierci, così, dai problemi reali. L' Italia è ferita e lacerata da organismi  più forti. L'offesa questa volta, però, non viene dalle macchine "intelligenti". Non sto moraleggiando, ma guardo solo all'evoluzione incessante della vita e questa vita per l'Italia è in pericolo.
Poi c'è Bergoglio che non sa cosa farsene della realtà dello Stato Italia, del suo "ordine", delle sue leggi che sono alla base di qualsiasi convivenza civile. Egli dice: "Vergogna"! Ma a chi? All'Italia che viene invasa di continuo da quelli che non sono migranti o profughi, ma clandestini? Ma come si permette di dire vergogna, lui che è "straniero" a gente che conosce  la disoccupazione e si suicida perché le sue aziende falliscono. I politici, in questo contesto, hanno messo al bando la fragile armonia della Bellezza, della Ricerca e cioè una totalità di vita che, in ultima analisi, è un Progetto per il quale l'assunzione della responsabilità è totale. Mi chiedo, allora, come salvarsi da questo abbandono quando i "confini" di un popolo, quello italiano, non servono più perché violati dai suoi stessi politici?

Radiohead, "Let down" da OK, Computer

mercoledì 21 agosto 2013

Nuova Costituzione dell' Ungheria: per una storia delle Nazioni...

a cura di Nico Carlucci


Riporto qui un piccolo preambolo della Costituzione ungherese che l'Unione europea sembra proprio non amare. Come mai? Beh l'Ungheria è lontana dal rinunciare alla "Patria" come possiamo leggere. Da noi, invece, bisognava non parlarne perché  sentimento "fascista", idea poco moderna, "politicamente scorretta". Invito Cécile Kyenge ad una vera riflessione su quanto un popolo scrive, su quanto gli Ungheresi dicono della propria "terra" che è la "loro"!

LA LEGGE FONDAMENTALE DI UNGHERIA

 (25 aprile 2011)
Dio benedica gli ungheresi

PROFESSIONE NAZIONALE

  Noi, membri della Nazione ungherese, all'inizio del nuovo millennio, con senso di responsabilità per ogni ungherese, proclamiamo quanto segue:
Siamo orgogliosi che il nostro re Santo Stefano abbia costruito lo Stato ungherese su solide basi e lo abbia reso parte dell'Europa cristiana mille anni fa.
Siamo orgogliosi dei nostri antenati che hanno combattuto per la sopravvivenza, la libertà e l'indipendenza del nostro paese.
Siamo orgogliosi delle eccezionali conquiste intellettuali del popolo ungherese.
Siamo orgogliosi che la nostra gente nel corso dei secoli ha difeso l'Europa in una serie di lotte e ha arricchito l'Europa con i suoi talenti e la sua diligenza.
Riconosciamo il ruolo del cristianesimo nel aver preservato la nazione. Apprezziamo le varie tradizioni religiose del nostro paese.
Promettiamo di preservare l'unità intellettuale e spirituale della nostra nazione lacerata
nelle tempeste del secolo scorso. Le nazionalità che vivono con noi fanno parte della Comunità politica ungherese e sono parti costitutive dello Stato.
Ci impegniamo a promuovere e a salvaguardare il nostro patrimonio, la nostra lingua, così diversa da tutte le altre, la cultura ungherese, le lingue e le culture delle nazionalità che vivono in Ungheria,
insieme a tutto il patrimonio antropico e naturale del bacino dei Carpazi.
Noi ci riconosciamo responsabili nei confronti dei nostri discendenti, quindi proteggeremo le condizioni di vita delle generazioni future facendo un uso prudente delle nostre risorse materiali, intellettuali e naturali.
Noi crediamo che la nostra cultura nazionale sia un ricco contributo alla diversità dell'Unione europea.
Rispettiamo la libertà e la cultura di altri popoli, e ci impegneremo a collaborare con ogni nazione del mondo.
Noi riteniamo che l'esistenza umana sia basata sulla dignità umana.
Noi riteniamo che la libertà individuale non possa essere completa se non in collaborazione con gli altri.
Noi riteniamo che la famiglia e la nazione costituiscano la struttura principale della nostra convivenza, e che i nostri valori di coesione fondamentali siano la fedeltà, la fede e l'amore.
Noi riteniamo che la forza della comunità e l'onore di ciascuno sono basati sul lavoro, una conquista della mente umana.
Noi riteniamo che abbiamo un dovere generale di aiutare i più deboli e i più poveri.
Noi riteniamo che l'obiettivo comune dei cittadini e dello Stato sia quello di raggiungere la misura più alta possibile di benessere, sicurezza, ordine, giustizia e libertà.
Noi riteniamo che la democrazia sia possibile solo se lo Stato serve i suoi cittadini e amministra i propri affari in modo equo, senza pregiudizi o abusi.
Onoriamo le conquiste della nostra costituzione storica e onoriamo la Santa Corona, che incarna la continuità costituzionale della sovranità dell'Ungheria e l'unità della nazione.
Noi non riconosciamo la sospensione della nostra costituzione storica a causa delle occupazioni straniere. Neghiamo qualsiasi prescrizione per i crimini disumani commessi contro la nazione ungherese e i suoi cittadini, sotto le dittature del nazismo e del comunismo.
Noi non riconosciamo la costituzione comunista del 1949, dato che fece da base alla tirannide, pertanto la proclamiamo non valida.
Concordiamo con i membri del primo Parlamento libero, che proclamarono come prima loro decisione che la nostra libertà attuale è nata con la nostra rivoluzione del 1956.
Riconosciamo come data del ripristino dell’autodeterminazione del nostro paese, perduta il diciannovesimo giorno di marzo del 1944, al 2 maggio del 1990, quando si è formato il primo corpo di rappresentanza popolare liberamente eletto. Noi consideriamo questa data come l'inizio della nuova democrazia e del nuovo ordine costituzionale del nostro paese.
Noi riteniamo che, dopo i decenni del ventesimo secolo che portarono ad uno stato di decadenza morale, abbiamo un perdurante bisogno di rinnovamento spirituale e intellettuale.
Confidiamo in un futuro da costruire insieme e nell'impegno delle giovani generazioni. Crediamo che i nostri figli e nipoti renderanno di nuovo l’Ungheria grande con i loro talenti, perseveranza e forza morale.
La nostra legge fondamentale [la presente Costituzione] deve essere la base del nostro ordinamento giuridico: costituirà un’alleanza tra ungheresi del passato, presente e futuro; un quadro vivente che esprime la volontà della nazione e la forma in cui vogliamo vivere.
Noi, i cittadini provenienti da Ungheria, siamo pronti a fondare l'ordine del nostro paese sugli sforzi comuni della nazione.

(traduzione condotta sul testo ufficiale inglese


Nyregyhaza (Ungheria)


Nyíregyháza


domenica 21 luglio 2013

La Grande isteria dà spettacolo: ruoli e finzioni femminili (parte II)

di Nico Carlucci

Oggi la medicina non parla più di isteria che evidentemente ha assunto nomi  diversi con la trasformazione del modello culturale in cui era nata come "malattia mentale". Sembra scomparso perfino il "lettino" che curava la malata isterica, il lettino, sì, proprio quello caro a Freud e tanto di moda nello scorso secolo. Beh, qui si tratta di rifare la storia che ha tenuto poco conto delle donne, dei significati che tuttora vivono anche al livello dell'inconsapevole. Parlare di isteria significava parlare del cosiddetto "sesso debole", della femmina dell'Uomo intorno alla quale gli studi dei medici si arricchivano mediante un approfondimento ricco di immaginazione se non di "perversioni scientifiche". Ma andiamo indietro.

Anna O

Nel 1880, a Vienna, c'è Anna, una ventenne, bella e intelligente che all’improvviso, in concomitanza di una grave malattia del padre, sviluppa dei disturbi apparentemente slegati tra loro: diventa strabica, ha improvvisi vuoti di memoria, soffre di sonnambulismo, perde l’uso della gamba e del braccio destro. La ragazza ad un certo punto incomincia anche  ad usare parole "scorrette". 
Anna  smette addirittura di parlare la sua lingua madre, il tedesco, per esprimersi solo in lingua inglese. Joseph Breuer, noto psichiatra, venne chiamato a curare Anna. Sarà lui a fare la diagnosi di "isteria". Ma i medici, pur parlando di cause e cure non riescono a "guarire" la giovane.

Sante e diavolesse: le donne nella Notte medievale
Nel Medioevo le crisi di Anna sarebbero state interpretate come possessioni diaboliche. Il Tribunale dell'Inquisizione mette al rogo molte di queste donne "possedute" da Satana. E' il periodo in cui la scienza psichiatrica non è ancora nata per cui le manifestazioni di allucinazioni diventano per l'immaginario collettivo segni di un trascendente "numinoso e tremendo", un peccato contaminante da espiare con il fuoco "purificatore". Al riguardo, possiamo rileggere i processi nati per giudicare le mille "visionarie" oppure guardare all'iconografia del mondo romanico dove il diavolo tenta il monaco servendosi della donna.

I massaggi vaginali
In un contesto di sessualità "deviata" della donna, i medici incominciarono, verso la fine dell'Ottocento e inizio Novecento, a praticare massaggi vaginali. E' allora che fu anche ideato il primo "vibratore" elettromeccanico. 
Incomincia, così, a farsi strada l’idea che l’isteria sia dovuta a una deliberata simulazione e drammatizzazione da parte di ragazze "deboli" e prive di morale. Possiamo ricordare, per capire meglio, gli studi di Jean Martin Charcot (1825-1893), autentico luminare della clinica Salpetrière di Parigi, considerato oggi il fondatore della neurologia. Questi è il primo medico a descrivere l'isteria, a parlare dei suoi sintomi che, in qualche modo, il medico "oggettiva" mediante la fotografia, tecnica allora ai primordi.  Egli si accorge che le convulsioni isteriche hanno caratteristiche come il cosiddetto “arco di cerchio”, la curiosa posizione assunta al termine della crisi in cui la donna sembra quasi offrirsi all’acoppiamento. E' allora che nasce la "grande isteria" .
Le donne che ne erano affette sembravano avere un vero e proprio attacco epilettico. Le malate si contorcono emettendo urla laceranti.

Lei si rappresenta!

L’ultima fase dell'attacco, nota Charcot, è quella degli "atteggiamenti passionali” in cui l’isterica, in preda a deliri e alle allucinazioni si mette in "posizione di preghiera".
Charcot è affascinato dalle sue pazienti  isteriche, tutte "femmine". Egli decide di sperimentare su di loro una nuova terapia: l’ipnosi. Con suo grande stupore ottiene risultati eccezionali: con la sola imposizione della sua voce, riesce a "guarire" sintomi quali la paralisi o la cecità. Ne deduce che l’isteria è dovuta a meccanismi di autosuggestione. Allora il neurologo inaugura una serie di seminari in cui dà "spettacolo della malattia", attraverso la sua rappresentazione. Le povere isteriche diventano fenomeno da baraccone. Tra il pubblico ad assistere c’è anche un giovane Sigmund Freud che applica alla lettera gli insegnamenti di Charcot  adottando l’ipnosi alle sue "isteriche". Tuttavia, questi si rende conto che i disturbi non passano affatto: prima o poi si ripresentano.
Al collega Joseph Breuer espone la sua teoria: l’isterica soffre essenzialmente di “reminiscenze”. I sintomi sono meccanismi difensivi che servono ad allontanare dalla coscienza ricordi dolorosi, spesso veri e propri traumi, che vengono così seppelliti in un luogo inaccessibile della mente, l’inconscio. I disturbi non sono mai casuali: una isterica diventa cieca perché “non vuole vedere”, paraplegica perché “non vuole – o non può – agire”. Per Freud il trauma rimosso ha quasi sempre una natura sessuale: possono essere esperienze di seduzione o di aggressione subite durante l’infanzia, oppure pulsioni sessuali ritenute inaccettabili. Per gli esperti, i maschi sono immuni da tutto questo. Non viene mai detta una parola sul quotidiano che la donne vivono.

Sul lettino dello psicoanalista
Nei decenni successivi la psicoanalisi raccoglie sempre più seguaci, consolidandosi come prassi terapeutica in tutto il mondo. Le donne si "raccontano" ai medici, fino ad allora tutti uomini. 
Nel 1978 si decreta la scomparsa dell’isteria. L’utero vagante si era misteriosamente fermato! In realtà, l’isteria ha costituito per secoli una base pseudo-scientifica per legittimare il dominio del maschio sulla  femmina. C’è da presumere che per secoli le donne siano state ripetutamente "stimolate sessualmente" senza essere appagate. Da qui la risposta "isterica". Del resto, Ippocrate e anche Freud ritenevano che l’isteria avesse soprattutto una radice "erotica".
Per certi versi, nel mondo globalizzato, si continua sulla vecchia via: l'uomo è il Sole splendente, la donna è la Luna che muta.
C'è tra gli studiosi addirittura chi ritiene che la follia sia un aspetto intrinseco della femminilità, della sua complessità emozionale e sessuale. Di conseguenza, si conclude che la " malattia", in sintesi, non è affatto scomparsa; l'isteria, in altri termini, ha solo cambiato sembianze e assunto altri nomi: “disturbo dissociativo di identità”, “personalità istrionica”, “attacchi di panico”, “sindromi border-line”: stanchezze croniche, disturbi digestivi, affezioni dermatologiche, vertigini, giramenti di testa.
Si continua, così, a non considerare il modello culturale, la storia di lunga durata che sia le donne che gli uomini respirano. Medici e specialisti vengono agiti proprio da questo modello che codifica, così, sotto nuove spoglie, sintomi e diagnosi. A farli compagnia e la psicologia che evita accuratamente la scienza antropologica, le culture, il sistema del simbolismo attraverso cui passano i significati  che i gruppi umani vivono.


Charcot alla Salpètriere

giovedì 27 giugno 2013

Una "storia della medicina" non raccontata: il mal "sottile" e la sua rapresentazione romantica (parte prima)


di Nico Carlucci

La malattia, organica e mentale, spesso è in rapporto al modello culturale in cui nasce, ma di questo i medici non se ne occupano; anzi, questi ignorano che ci sia una corrispondenza tra stato di salute e cultura. Si assiste ad una medicalizzazione ad oltranza dimenticando l'interazione tra ambiente interno ed ambiente esterno proprio dell'uomo. La nostra specie è nelle generazioni e nelle variazioni della storia in un flusso continuo e dinamico. E' uno studio, qui, del passato e del presente che arriva perfino a dire di "malattie alla moda", presenti nell'apparire della vita e che attraversano anche il sogno e la poesia.
Incomincerò, quindi, con la tubercolosi che oggi è tornata, purtroppo, anche in Occidente, per continuare con l'isteria, l'anoressia e per ultimo la dislessia.
Sarà un percorso che non si esaurisce con un solo articolo visto la complessità del problema.
Nell’Ottocento, sotto il nome di ‘mal sottile’ o ‘mal di petto", la tubercolosi costituì il morbo del secolo, portando a morte milioni di persone, musicisti come Chopin, forse anche poeti come Giacomo Leopardi. Goethe, invece, riuscì a sopravvivere! E' il periodo dell'urbanesimo con i suoi guasti sociali: sfruttamento della classe operaia in fabbrica, orari di lavoro interminabili. Robert Koch, un medico tedesco, riuscì ad isolare il bacillo della malattia (Mycobacterium tubercolosis) chiamato dopo, appunto, bacillo di Koch. La tubercolosi fu una vera e propria pandemia che tuttavia venne rielaborata anche nel "mondo degli spiriti" a cui si riferiva Nietzsche (Nascita della tragedia) per rendersi, così, largamente visibile nell'arte del XIX. Per molti versi la tisi colpiva la persona delicata, "romantica" che moriva d'amore per l'amato o per Dio, quindi  malattia "spirituale" e non solo di bacilli "concreti" dell'organismo.
Ricordiamo chi di essa ha fatto con la sua vita-morte un'opera d'arte: Emily Bronte autrice del romanzo Cime tempestose, Teresa si Lisieux che scrive la sua autobiografia "romantica" dandole proprio come titolo quello di Storia di un'anima. Sono ragazze dell'Ottocento consumate dalla tisi in un'unica  "notte" che non si ripete, notte sì, ma del sogno del poeta costellato di stelle.


 
LEOPARDI E SILVIA

E' Giacomo Leopardi (1798-1837) ad offrirci in un delle sue poesie più famose, "A Silvia", un'indimenticabile immagine di donna indissolubilmente legata alla tubercolosi:

Tu pria che l’erbe inaridisse il verno,
da chiuso morbo combattuta e vinta,
perivi, o tenerella. E non vedevi
il fior degli anni tuoi…

La ‘tenerella’, come è noto, è Silvia, nome ideale di Teresa Fattorini figlia del cocchiere di casa Leopardi, uccisa in giovanissima età da quel "chiuso morbo" che possiamo senz’altro identificare con la tubercolosi. All'apparire del "vero", morì Silvia e perirono, così, le illusioni e le speranze giovanili di Giacomo.

LA SIGNORA DELLE CAMELIE
Ma è un romanzo francese, La signora delle camelie pubblicato nel 1848, a sancire il definitivo successo letterario (si fa per dire) del ‘mal sottile’. Il suo autore è Alessandro Dumas figlio (1824-1895) che nella Parigi dell'alto bordo colloca la vita, gli amori e la morte per tisi di Maria Duplessis, amata dallo stesso Autore. Il libro fu un successo in Francia e anche in altri paesi ed ebbe una gloriosa rappresentazione "teatrale".


LA TRAVIATA

Giuseppe Verdi si ispira con qualche libertà proprio al già famosissimo romanzo di Alessandro Dumas figlio a cui ho accennato pur con una rielaborazione: Margherita diventa Violetta, Armand Duval è Alfredo Germont. Il tema della tisi, malattia romantica, anche qui uccide; Violetta morirà tra le braccia dell’amante. Ciò permette a Verdi di creare le sue più alte e patetiche pagine musicali universali.

La tubercolosi come "malattia dello spirito", quindi, diventa momento importante della rappresentazione letteraria, musicale "; le prove al riguardo sono innumerevoli.
Qui ho fatto qualche esempio e sono andato, così, verso una medicina non ufficiale trovando per il "mal sottile" una
 collocazione nella de-realtà dell'uomo che fa parte del suo "mondo reale











domenica 5 maggio 2013

Una geopolitica da re-inventare: nuovi e vecchi confini

di Nico Carlucci

Nell'era del Web, la geografia tradizionale va ripensata. Non hanno più realtà, infatti, quei confini e quelle latitudini e longitudini su cui ci si è soffermati per "toccare" la Terra, per parlare dei nostri orizzonti di mondo. E questo è vero sia sul piano del simbolico che sul piano del concreto. Dobbiamo sicuramente ritornare e ri-disegnare, sì, il nostro "mappamondo", le cartine storiche e tematiche degli atlanti, ma questa volta con occhi veramente "nuovi". I limiti vengono ripensati e le linee ri-tracciate, ma i giornalisti, i politici continuano sulla vecchia strada come se il flusso del tempo e della storia non esistessero. Perché? Parlo di quegli uomini e di quelle donne che pure sono abituati a studiare, ma su cui continuano ad agire vecchi "pre-giudizi" e visioni politiche di pezzi di mondi "formattati" proprio dai poteri forti.  Beh, significativa, per esempio, è stata l'espressione del nuovo papa Bergoglio, all'indomani della sua elezione quando ha detto che i cardinali erano andati a pescarlo "alla fine del Mondo"! Ma di quale "fine del mondo" parli, Bergoglio? L'Argentina? Beh, sicuramente avevi, inconsapevolmente, nella testa Roma "caput mundi" e cioè  un Occidente al "centro", sempre, del vecchio planisfero. Allora mi sono chiesto guardando ai flussi migratori degli ultimi anni e ai tanti figli degli "stranieri", se questi ultimi percepiscano la propria provenienza da luoghi che si stagliano su terre che confinano  proprio con la  "fine del mondo". Evidentemente le coordinate geo-politiche dell'anziano Bergoglio non  sono più quelle dei ragazzi-studenti che riempiono le nostre scuole: peruviani, ecuadoriani, ma anche cinesi, indiani che continuano a "sbarcare" con i loro padri "sordi" ad una Italia che non ha lavoro da dare. Dire di venire dalla "fine del mondo", inoltre, è "politicamente corretto? E  l'Australia e la Nuova Zelanda che cosa sono? Sono chiamate "Occidente" pur trovandosi "lontane", in un Estremo Oriente, secondo le vecchie "linee", ma anche in un sud, questa volta sì, "profondo". Tuttavia qui i loro popoli parlano l'inglese e quindi le cose cambiano!

Il Mito Antico: tra Sogni e Illusioni

Ma ora andiamo a casa nostra. Perché il sud Italia è ancora identificato con il passato Regno di Napoli? Ma quali sono i criteri per dire che l'Abruzzo e il Molise, centri geografici della Penisola, sono secondo l'Istat sud Italia ? La risposta inconsapevole è sempre la stessa: sono appartenuti, appunto al Regno di Napoli! E la provincia di Rieti allora (Cittaducale)? E il basso Lazio? Qui propongo criteri "altri" che l'Istat non considera come quello della teoria dei climi, della presenza o meno di organizzazioni criminali, del numero dei laureati, del rapporto con le donne ( W. Behringer, Storia culturale del clima: Dall'era glaciale al riscaldamento globale, 2013). In realtà, il Regno di Napoli di "oggi" appartiene ancora ad una mitologia voluta dai poteri forti di cui parlavo prima che non guardano alla molteplicità dell'unità delle culture. Si sa, il Sud è un mito, il che significa il "per sempre", quello della ciclicità del tempo che torna sempre su se stesso e che mai cambia. Il mito è fondante come dimostrano gli studi dell'Antropologia, non solo per le culture "altre", ma anche per la nostra. E allora cosa farsene degli studi della fondazione Agnelli che ridisegnava anche secondo l'economia le regione dell'Italia centro-adriatica?
Passiamo, ora, ad un'altra parte del globo e guardiamo ad Est. Subito arriva l'espressione "Medio Oriente" che storicamente  deriva dalla suddivisione amministrativa che la Gran Bretagna aveva operato per il mondo asiatico durante il periodo coloniale. In realtà,  essa espressione si riferiva in origine ad una regione diversa da quella attuale. A ciò va aggiunto che il cambiamento di significato è stato dovuto all'influenza degli Stati Uniti.
L'espressione "Vicino Oriente" indicava per il "Foreign Office" e il Ministero delle Colonie il mondo arabo sottoposto al dominio ottomano, dal Marocco alla Turchia compresa, includendovi la stessa Grecia che dell'Impero Ottomano faceva parte e che divenne indipendente solo nel 1820-21.
L'espressione "Medio Oriente" identificava, invece, l'area (non esclusivamente islamica) che dalla Persia giungeva fino a tutto il sub-continente indiano.
L'espressione "Lontano Oriente" si riferiva all'area che si estendeva ancor più in là, al vero Levante "misterioso"(Cina, Giappone).
L' Italia, per via di confusioni varie ha continuato ad accomunare "Vicino Oriente" a "Medio Oriente", con una predilezione per quest'ultima definizione e con una sovrapposizione che è dovuta essenzialmente ad un' inadeguata categorizzazione geo-politica dell'intera area. Ciò è dovuto in parte alle stesse caratteristiche della nostro ridicolo periodo di storia coloniale che è rimasto limitato all'area africana.
L'espressione "Medio Oriente" è comunque stata recepita e usata anche nel mondo arabo che peraltro è ricorso assai più volentieri al termine "Màghreb" per identificare i paesi arabi nordafricani, con l'esclusione dell'Egitto.
Allora rimettiamoci a ri-disegnare, in comune, i confini, ammesso che sia possibile dare "forme" alle culture nella loro "liquida" complessità.


testo alternativo per immaginetesto alternativo per immagine



lunedì 8 aprile 2013

Sigur Ros: musica dall'Islanda



di Nico Carlucci

I Sigur Ros sono una band proveniente dalla nordica Islanda che non possono non proporre che "musica fredda". Jónsi, il solita del gruppo, con i suoi  compagni, sembra apparire "freddo", appunto, distaccato dal pubblico di Assago (MI) proprio lo scorso 18 febbraio. Egli era insieme agli altri membri della band, nascosto da un velo semi-opaco che avvolgeva il palco nella sua interezza. Il concerto, in realtà, è stato quanto di più suggestivo ed emozionante ci si possa aspettare oggi da un gruppo pop, post rock contemporaneo.
I Sigur Ros vengono esaltati da meravigliose scenografie e stupefacenti giochi di ombre e luci che continuano anche dopo la caduta del velo verso metà concerto. Lo spettacolo è durata per due intensissime ore senza, quasi, soluzione di continuità, come un’unica lunga suite, ora onirica e psichedelica, ora inquietante, ora selvaggiamente rumorista. A dominare e rendere speciale ogni nota, ogni sfumatura, ogni suggestione, era proprio lui, Jónsi, la voce più bella del "post-rock". Un trionfo

venerdì 5 aprile 2013

Un papa rosso: vento da Nord-est

di Nico Carlucci


Molti sono i giornali e i politici che hanno esaltato in questi ultimi anni il Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano la cui voglia di potere sembra sia sempre più grande. C'è chi dice che oramai la sua sfrenata voglia di dominio sia non arrestabile abbandonando, così, le vesti di garante della Costituzione.
In un passato recente, Napolitano ha messo da parte il governo in carica chiamando Mario Monti. Quest'ultimo, sconosciuto in Italia, era ben noto in Europa in quanto è stato costretto a dimettersi con la Commissione europea guidata da Santer "per nepotismi, abusi e buchi di bilancio”, come recita la Gazzetta ufficiale europea.
Il venerando Napolitano torna alla carica oggi dicendo che il governo Monti continua a governare gli Italiani per occuparsi delle "pratiche correnti".

Le pratiche correnti? La decisione di rimandare in India i due Marò, “con il consenso di tutti i ministri” precisa con orgoglio Mario Monti, è una pratica talmente corrente che non è valsa neppure la pena di discuterla in Parlamento. Ma oltre al consenso di tutti i ministri c’è stato il consenso del Presidente della Repubblica, capo supremo della Magistratura e delle Forze armate che non poteva non essere stato informato.

Il mandato di Napolitano sta per arrivare al capolinea! Allora questi che fa? Beh, il Nostro crea la commissione dei 10 saggi, tutti maschi, tutti maturi, tutti ben conoscitori dei giochi delle istituzioni grazie all'economia.  Anche in questo caso Re Giorgio è stato osannato per il suo senso di responsabilità verso lo Stato. È passato un mese e mezzo dai risultati delle ultime elezioni politiche. Ma Napolitano prende tempo dopo che Bersani del Pd ha fatto flop per un'eventuale carica di governo.



Intanto Monti rimanda il pagamento alle imprese che non ce la fanno proprio più ad andare avanti. Era questa una delle "pratica correnti"?
Suicidio degli imprenditori. Ma di chi è la responsabilità? Chi sono questi dieci saggi? Sono ricchi signori in pensione che godono di grossi vitalizi.



giovedì 7 marzo 2013

Vola, Benedetto, vola: le dimissioni di un Papa

di Nico Carlucci


Benedetto XVI va via, torna ad essere pellegrino sulla terra, a vivere nascosto al mondo dopo aver preso il volo grazie all'elicottero bianco che lo libra nei cieli di Roma. Sì, nell'azzurro dei cieli dell'Urbs, della città piena di trascendenza. Tutta la cerimonia degli addii del Papa è stata, così, carica di significati, concreti e simbolici,  e lui, Benedetto, è stato, appunto, l'uomo mistico, il teologo di professione e di fede. Un papa tedesco che nella sua "personalità di base" (A. Kardiner) aveva già la possibilità di una "dimissione". Quanto diverso era Woytila la cui "polonità" non poteva che portarlo al dolore fisico estremo trasmesso dai media in "presa diretta" anche quando, oramai, la vita volgeva al tramonto.
Ratzinger esce di scena all'indomani delle elezioni politiche in Italia i cui risultati, forse, annunciano una trasformazione totale dell'Europa, se non dell'Occidente.
Molti commentatori non capiscono quello che sta succedendo, hanno paura di un'Italia che "suggerisce" il nuovo o che è già il "Nuovo". Gli Italiani con queste elezioni politiche hanno mandato via i fautori dell'euro: Monti è stato un flop, Fini non è stato rieletto. Grillo propone un referendum per uscire fuori dalla moneta unica. E dentro questo tsunami va via il Papa tedesco e forse l'euro con lui. Si sà la moneta europea, in realtà, è il marco. La Germania l' ha voluta per dimenticare, secondo gli studi dell'Antropologia, il passato nazista.
A noi oggi ci è stato dato un Papa tedesco, una moneta tedesca, una Merkel che comanda sul Vecchio Continente. Quanto scrivo sembra apparentemente assurdo e sicuramente Ratzinger ha rinunciato a fare il Papa anche per motivi fisici, ma le culture vivono di significati che l'antropologo cerca di decodificare mettendo in evidenza l'inconsapevole, ciò che agisce senza che ce ne accorgiamo. E come non poteva non alzarsi in bianco, con l'elicottero bianco, il Papa che una volta diveranto Papa Emerito continuerà a vestire il colore della trascendenza, il colore della sposa di Dio, appunto, con l'esclusione della mantellina. Le scarpe, certo, non saranno più rosse, ma marroncine. Il bruno (le scarpette "marroncine") è, comunque, colore del Sublime, come il nero e quindi colore del Sacro, nient'altro che sacro. E. Burke nella sua Inchiesta sul Bello e sul Sublime  parla di questi colori della Potenza che io collego al Trascendente e che le culture caricano di stupore, ammirazione e sotto-missione.
Perché Ratzinger ha portato, invece, proprio le scarpe rosse quando era Vescovo di Roma? Viene in mente Dorothy del "Mago di Oz" le cui scarpette "rosse" la portano, dopo aver smarrito la via, a casa. E poi abbiamo l'anello del Pescatore indossato dal pontefice che ora va distrutto, come sempre, come tutti gli altri "anelli" precedenti, ad ogni "morte di papa". Su esso è raffigurato San Pietro mentre getta le reti dalla sua barca. Questo anello ha sostituito il rito dell'incoronazione. Il decano del collegio cardinalizio infila l'anello del Pescatore al dito della mano destra del nuovo papa e quando questi muore esso anello è distrutto dal cardinale carmelengo alla presenza degli altri cardinali, utilizzando un martello d'argento. Sull'anello viene incisa una croce con uno scalpello e successivamente con il martello esso anello viene rotto per essere conservato nei musei vaticani come reperto. I simbolismi imperversano, come vediamo, nella Santa Madre Chiesa che chiude, così, anche questa volta "le porte", simbolismi significativi, sì, di un rito, ma questa volta di un papa ancora in vita.

Benedetto XVI e il "bel" Georg Ganswein
Padre Georg, sulla cover del numero 3/2013 di Vanity Fair, ha 56 anni. Segretario particolare di Benedetto XVI, il 6 gennaio è stato ordinato arcivescovo e nominato prefetto della Casa Pontificia © Foto Contrasto

sabato 2 febbraio 2013

Le onde della Musica:gli U2

u2-joshua

Clicca per vedere un'altra foto

Belli gli U2, grande successi gli U2, grande musica gli U2.  

Musica classica la loro, ispiratori di poeti;  si un gospel antico e nuovo.

In questo blog ho recensito qualche anno fa anche il loro ultimo album: "No line on the

horizon" (vedi)

Qui le foto della musica, la suggestione della musica, il ritmo della "preghiera" di una musica.

L'Irlanda, il verde, the Kevin  Kitchen, i dolmen di una terra. E si il rock che partiva dal punk dei

primi anni, le birre dei pub di Dublino.

Magnificent


 

lunedì 28 gennaio 2013

I pensieri sparsi di un Antropologo

di Nico Carlucci


In quest'ultimo periodo ho amato molto studiare i confini dell'uomo tra Fenomenologia e Antropologia. Con esso ho incontrato quell'esperienza di mondo che solo i grandi sanno mostrare. Parlo di Husserl, di Heidegger, di Derrida, del loro sguardo sull'Uomo che dice della  nostra "in-finitezza". Oggi la scienza, è vero, non considera l'importanza di quelle discipline verso le quali noi, viceversa, tendiamo. Per me , Husserl diventa anche contributo educativo attraverso la Fenomenologia (beh, anche Gehlen, nello stesso periodo, dava grande importanza all'educazione, sì Gehlen dell'Antropologia filosofica).
Husserl, infatti, parlava, al riguardo, della "riduzione eidetica" dell'oggetto e della possibilità, con l'immaginazione, di variare le caratteristiche di una cosa per cogliere, in ultima analisi, la sua essenza. Interessante è stato l'opera "Idee per una fenomenologia pura e una filosofia fenomenologica". vol.II.
Ho approfondito,al riguardo, la differenza tra atteggiamento naturalistico e personalistico, la legge motivazionale della vita dello spirito (par. 56) che finiva con il contrapporsi alla causazione fisica. Constato che coloro che sono stati tra i più bocciati al test di pre-selezione al concorso per la scuola statale sono stati proprio gli studenti di filosofia che evidentemente hanno trovato come "altro" il suddetto test, troppo "americano" e centrato sul "matematizzabile". Dopo la lettura di Jaspers e di Heidegger, mi piacerebbe anche che la laurea magistrale non si chiamasse più "Scienze filosofiche". Alla "Sapienza", Università di Roma, proprio quest'anno la laurea magistrale ha come dicitura quella di "Fiosofia".

Ho amato Lettera sull'Umanismo di Heidegger che sicuramente ha segnato una svolta antisoggetiva del suo pensiero riguardante l'Essere. Ho conosciuto un Heidegger "in ascolto" . L'Uomo diventa il "Pastore dell'essere", il custode chiamato dall'Essere stesso. Non più una metafisica per la quale l'Esssere è semplice presenza, ma un orizzonte sul quale si stagliano gli enti e tra questi l'Uomo stesso. Mi sarebbe piaciuto approfondire l'amore del filosofo per la poesia di Holderlin e il cambiamento di Martin quando parla della lingua non più strumento dell'Uomo, ma la "casa dell'Essere. Forse,lo farò. Stimolante  è stato questo gioco di "rimandi" tra i filosofi e gli antropologi.
Di conseguenza, ho potuto toccare con mano che Heidegger è stato "veramente allievo" di Husserl a cui dedica Essere e tempo. Non ultimo, ho trovato il lavoro di Derrida relativo all"'evento",un lavoro pieno di domande che mi hanno accompagnato e mi accompagnano nel modo di fare l'Antropologia culturale. Su Deridda cercherò di approfondire la "struttura messianica" di cui parla e che sia Nancy che Vattimo hanno contestato. A mia volta mi sono chiesto se essa non venisse fuori anche dal fatto che Derrida fosse ebreo. Appassionato poi è quanto ho trovato scritto sulla "traduzione", sulla possibilità dell'impossibilità della "traduzione". E per concludere la Scuola.
Questa vive nei pochissimi, sensibili  docenti l'interrogativo di che cosa sia la scienza e l'apertura all' "evento". E', infatti, una scuola in "de-costruzione", con la venuta imprevedibile dell'ospite", dell'altro, dello "straniero".



Arnold Gehlen, l'Antropologia filosofica